Antichi giochi di strada Giovedì 31 ottobre 2019 alla ex-Chiesa di Santa Maria delle Croci

Giovedì 31 ottobre 2019 dalle 17 alle 20 apertura straordinaria della ex-Chiesa di Santa Maria delle Croci in via Guaccimanni, 5 a Ravenna.

Dolcetto o scherzetto per piccoli e grandi che vorranno fare un passaggio nella suggestiva location adibita ad antro magico per l’occasione di Ognissanti.

Nell’occasione si potrà giocare con La Carampâna in Mosaico per la Scuola Primaria Garibaldi di Ravenna in mostra a cura dell’Associazione Dis-ORDINE, inaugurata lo scorso 3 ottobre nell’ambito della Biennale di Mosaico Contemporaneo 2019.

In seguito, da lunedì 4 novembre, la mostra tornerà visitabile nelle aperture indicate in programma fino al 23 novembre 2019: 

ORARI DI APERTURA

lunedì, giovedì e venerdì 10 – 13, sabato 16 – 19 / ingresso libero

L’Associazione Dis-ORDINE ringrazia il Comune di Ravenna e il Dirigente del Liceo Artistico Nervi – Severini di Ravenna per la concessione dello spazio.

STREET ART RAVENNA

Presentazione libretto

La street art provvisoria di via IV Novembre a Ravenna con le storie dei personaggi e di chi li ha dipinti.

VENERDÌ 25 OTTOBRE 2019 – ORE 17.30

Aula Magna Casa Matha 

Piazza Andrea Costa, 3 –  Ravenna

Venerdì 25 ottobre 2019, nell’Aula Magna della Casa Matha presentato il libretto che raccoglie le immagini e le storie del progetto STREET ART VIDEO BIKE progettato e realizzato sul lungo muro provvisorio del cantiere del Mercato Coperto in via IV Novembre a Ravenna. Il piccolo libro, dedicato a Pieranna Manara, docente di Pittura al Liceo Artistico Nervi-Severini prematuramente scomparsa nel 2018, fissa la memoria di un progetto nato da un’idea di Marcello Landi incoraggiata dai commercianti di via IV Novembre che dal luglio 2016 fino allo smantellamento del cantiere ha suscitato lo stupore e l’ammirazione di cittadini, turisti e frequentatori abituali della caratteristica via del centro cittadino. Una teoria di 33 personaggi in bicicletta, dipinti dai giovani artisti del Dis-ORDINE coordinati da Agnese Navoni, diretti verso il centro che per molti mesi hanno intrecciato la loro storia al vissuto della città in un turbinio di gradevoli sovrapposizioni, catturate in migliaia di selfie e riprese video-fotografiche. 

Moltissimi sono i contributi di immagini e testi che l’Associazione Dis-ORDINE ha raccolto in questa breve edizione, stampata in tiratura limitata con il contributo del Comune di Ravenna.

I personaggi dipinti: David Byrne,  Olindo Guerrini, Dante, Paolo e Francesca, Michelangelo Antonioni, Teresa Guiccioli e Lord Byron, Augusta Rasponi e Argia Drudi, Cole Porter, Federico Fellini, Gino Severini, L’Agnese, Cordula Poletti, Anita e Garibaldi, Marguerite Yourcenar, Sant’Apollinare, Oscar Wilde, Galla Placidia, Teodorico, B. K. De Rola “Balthus”, Gustav Klimt, Marianna Bacinetti, Carl Gustav Jung, Carmelo Bene, Teodora, Totò, Luigi Masetti, La Mariola, Ottaviano Augusto, Muhammad Alì.

I dipinti realizzati dai giovani artisti: Agnese Navoni, Alessandro Lonzi, Lorenzo Scarpellini, Desirèe Gentilesca, Filippo Maestroni, Giorgia Pettinari, Matteo Biserna, Francesca Grohl, Marco Alpi, Anna Agati, Chiara Amato, Federico Ferroni, Giovanni De Marchi.

I testi scritti dagli autori vari: Mariella Busi, Giovanni Fanti, Eugenio Baroncelli, Elena Pagani, Giovanni Gardini, Luisa Mariani, Marcello Landi, Silvio Gambi, Fulvio Fiorentini.

Le immagini fotografiche di: Enzo Pezzi, Nicoletta Gobbi, Marcello Landi, Vittorio Nava, Valeria Nonni, Elena Pagani.

I link alle interviste ai giovani artisti a cura di Stefano Sante Cavina. 

Grafica di Fulvio Fiorentini.

L’Associazione Dis-ORDINE ringrazia il Comune di Ravenna, in particolare l’Assessora alle Politiche Giovanili Valentina Morigi e il suo staff, Valeria Mazzesi, Paola Farfaglio, l’Ordine della Casa Matha per la cortese disponibilità ad ospitare la presentazione e gli incontri dell’Associazione Dis-ORDINE e tutti coloro che hanno donato il loro contributo per la realizzazione di questa piccola testimonianza. 

http://dis-ordine.it/wp-content/uploads/2019/10/LIBRO-STREET-ART-pdf-completo_compressed-1.pdf

RAVENNA CAPITALE DEL MOSAICO

Centralità di Ravenna nel confronto tra le realtà artistiche legate al mosaico presenti in Italia e nel Mondo.

MARTEDÌ 22 OTTOBRE 2019 – ORE 17

RavennaMosaico 2019 – Biennale di Mosaico Contemporaneo

Conferenza – Sala Martini – MAR – Via di Roma, 13 –  Ravenna

RAVENNA – CHARTRES

Marcello Landi (Presidente Dis-ORDINE) e Ugo Baldrati (Presidente Amici di Chartres)

Conferenza-Dibattito Gemellaggio artistico RAVENNA-CHARTRES nel nome di Sant’Apollinare. Sorge l’intento di manifestare il dissenso per la terribile crudeltà dei fatti recentemente accaduti in Siria con un progetto da definire a breve, dove poche ore prima viene trucidata e uccisa l’attivista curda Hervin Khalaf, paladina dei diritti delle donne, considerata simbolo di dialogo e pacifismo tra le varie etnie presenti in Siria, patria di origine di Sant’Apollinare.

L’Umanità all’Incontro con l’Universo. Il Mosaico Nascosto

Proiezione de Il Mosaico Nascosto di Sauro Ballardini. Immagini e documenti storici per raccontare la storia del mosaico “L’Umanità all’Incontro con l’Universo” realizzato da Sauro Ballardini a Praga nel 1979, fino al recente recupero dall’ex Edificio Centrale delle Telecomunicazioni di Praga, dove ha rischiato di essere distrutto insieme alla demolizione del palazzo stesso. 

TAMO –

TAMO – via Rondinelli, 2 – Ravenna ORARI DI APERTURA dal 6 ottobre al 24 novembre 2019 / 6 ottobre 10 – 14; dal 7 ottobre aperto dal lunedì al venerdì 10 – 17. Sabato e domenica chiuso / Ingresso intero € 4; ridotto € 3 

LA CADUTA DI FETONTE NELLE TERRE ALFONSINE

Land Art, Scultura e Mosaico

Divampa anche fuori Ravenna la Biennale di Mosaico Contemporaneo 2019. Inaugurata ieri 6 ottobre 2019 ad Alfonsine l’installazione dedicata al Mito di Fetonte a cura dell’Associazione Dois-ORDINE. L’evento, in collaborazione con lo studioso di storia locale Luciano Lucci, propone una interpretazione dell’episodio mitologico attraverso il segno di un cerchio, una ruota del carro del sole, dal quale si irradiano fasci luminosi in  granoturco e tessere d’oro verso gli arti dello sventurato Fetonte precipitato sulle terre alfonsine esattamente nel punto dalle coordinate 44° e 12°. L’opera, realizzata da Greta Tosi, Steven Bortolussi e Riccardo Mariotti con la supervisione di Mariella Busi, Elena Pagani, Marcello Landi e Federico Zanzi è il frutto di un lungo lavoro di ricerca e preparazione di calchi anatomici combinati con frammenti di un carro agricolo di Maddalena Venturi.

Continua a leggere su Ravenna&Dintorni …

Il Giardino del Labirinto: un percorso di consapevolezza. DANTE ECO GREEN

Inaugurazione labirinto – Associazione Dis-ORDINE

RavennaMosaico 2019 – Biennale di Mosaico Contemporaneo

Inaugurazione oggi Domenica 6 ottobre 2019 – ore 11

Giardino di fronte alla Casa Circondariale, via Port’Aurea, 57 Ravenna

Inaugurato oggi nel giardino davanti al carcere di Ravenna, nell’ambito della Biennale di Mosaico Contemporaneo 2019, alla presenza dell’Assessora alla Cultura del Comune di Ravenna Elsa Signorino e della Direttrice del Carcere dott.ssa Carmela De Lorenzo, il labirinto pavimentale in mosaico dell’Associazione Dis-ORDINE con il Patrocinio di Ministero della Difesa e Comune di Ravenna (Assessorato alle Politiche Sociali – Assessorato alla Cultura – Assessorato Ambiente) e in collaborazione con LandShapes di Paolo Gueltrini, da una idea di Giampiero Corelli.

La grande collezione di mosaici ravennati è stata realizzata con ampio coinvolgimento generazionale di artisti e mosaicisti, delle scuole e degli ospiti della Casa Circondariale dal 2017 ad oggi.  L’opera è un percorso pavimentale sviluppato attraverso 169 moduli triangolari, sia in richiamo alla tarsia del labirinto di San Vitale, sia come traccia verso la direzione “E quindi uscimmo a rivedere le stelle.”(Dante Inferno XXXIV, 139).  Ai partecipanti è stato suggerito il tema trasversale Gli Elementi della natura nell’Opera di Dante, entro il quale ognuno ha potuto individuare un’ampia gamma di suggestioni da trasporre in immagini, texture, geometrie, segni, simboli, cifre e figure. 

Gli ex-allievi delle Scuole d’Arte di Ravenna e Provincia in Italia e all’Estero, artisti e mosaicisti noti e meno noti che hanno concesso il loro prezioso contributo artistico al labirinto in mosaico del progetto Dis-ORDINE A PORT’AUREA sono: Anna Agati, Sara Alberani, Shuichi Amano JAPAN, Enrico Argelli, Elisabetta Argnani, Barbara  Arveda, Giuliano Babini, Rossella Baccolini, Nicole Balducci, Andrea Louis Ballardini, Giorgia Baroncelli, Anna Bartolotti, Giulia Baschetti,Rosetta Berardi Lavatura, Serena Berci, Giovanna Bezzi, Micòl Bezzi, Severo Bignami, Giorgia Bocchini, Marit Bockelie, Rita Bombi, Lella Borghesi, Dalida Bosi, Eleonora Branchetti, Dusciana Bravura, Marco Bravura,Claudio Brunelli,Elisa Lagonegro, Mariella Busi De Logu, Stefano Cangini, Daniela Caravita, Livia Ferruzzi, Saturno Carnoli, Elena Casini, Adua Castellucci, Silvia Causin, Giampiero Cevoli, Silvia Colizzi, Sergio Cicognani, Diego Daira-Katia Mauro, Marika Dall’Omo, Laura Dalmonte, Keti Darchini-Fabrizia Vichi, Nedo Del Bene, Marco De Luca, Barbara Diani, Martina Di Mattia, Kiara e Gojart Dollia,Giada Donati, Dana Donnoli, Ngawang Dorjee TIBET, Dorotea Drudo,Valeria Ercolani, Marijan Erste, Fulvio Fiorentini,Stefania Fogli, Gloria Foletti, Simonetta Foletti, Maria Cristina Foschini, Daniela Fruci, Debora Gaetta, Sonia Golfari, Linda Griffiths, Francesca Grilli, Sara Guberti, Laura Guerra, Silvia Guerra, Francesca Guerzoni, Andrea Hafsi, Mauro Hafsi, Loredana Lamanuzzi, Marcello Landi, Rossana Lanzotti, Tamara Latteo, Barbara Lodoli, Bianca Lupi, Michela Manfrini, Nina Marazza,Gianluca Mazzotti, Davide Medri, Alessandra Melandri, Giulio Menossi, Jessica Mongiusti, Barbara Morara-Fabiola Mordenti-Bruna Vanoni, Adriana Morelli, Verdiano Marzi, Jessica Mascia, Edoardo Missiroli, Silvia Naddeo, Felice Nittolo, Stella Nittolo, Luciana Notturni, Clarissa Nuzzi, Adello Onofri, Elena Pagani, Michele Pagani, Giulia Pagnani, Roshanak Payrovi, Irene Pasini, Dalila Pattavino, Nira Ben David Peled, Jonatan Sato Pereira, Chiara Piovan, Diana Pocaterra, Elisabetta Papageorgiou, Maddalena Quattrocchi, Paolo Racagni, Barbara Raimondi, Maria Lucia Raimondi, Simona Righi, Gabriela Rigoni-Cristian Sansavini, Ylenia Roma, Chiara Sansoni, Laura Salvatori, Sabrina Santoro, Serena Saporetti, Federico Senni,Suzanne Spahi, Samkia Spinazzi, Silvia Stanzani, Nicoletta Stradaioli, Tiziana Tesselli, Enzo Tinarelli, Anna Togni, Paola Turchetti, Virna Valli, Silvia Venturi, Cesare Vitali, Francesca Vitali, Brunetta Zavatti, Virginia Zanotti, Roseanne Kopchuk USA,

Casa Circondariale – Ravenna con Driss, Josè Manaurys Feliz, Frank, Hatem, Aymen, Rmait, Moussa, Marcello, Aziz, Salahddene – Fondazione Nuovo Villaggio del Fanciullo – Ravenna con Davide.P, Michele G., Michele S., Roberto E., Silvano P.,Giovanni G. – Azienda Galassi-Labirinto Effimero, Fraternità San Damiano – Ravenna, Albergo Cappello – Ravenna, Fondazione Ravennantica,  Laboratorio Arcobaleno – Ravenna, Istituto Ghepelling – Milano, ER Concerti – Ravenna, Mama’s Club – Ravenna, Ritmica Edera Ravenna, Musaico – Cesena, Koko Mosaico – Ravenna, Les 3R Chartres FRANCIA, Monastero Clarisse Cappuccine con Laura Dalmonte, Stefania De Palma, Donatella Bezzi, Silvia Colizzi, Antonella Filipponi, Nicoletta Gobbi, Marianna Improta, Maria Rita Servadei, Carmela Parente e Michela Perla assieme alle suore cappuccine, oltre che gli allievi delle Scuole: Scuola Elementare R. Ricci, Scuola dell’Infanzia Landoni, Scuola Elementare F. Mordani, Scuola Elementare G. Pascoli, Scuola Elementare B. Pasini, Scuola Elementare G. Garibaldi, Scuola Elementare M. Bartolotti di Savarna, Istituto Comprensivo Satta-Fais di Ploaghe e gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna – Corso di Mosaico prof. Daniele Strada e del Liceo Artistico Nervi-Severini – Laboratorio di Mosaico prof. Elena Pagani – Laboratorio di Scultura dei proff. Marinella Tassinari e Henry Rossi con Steven Bortolussi e Riccardo Mariotti per la realizzazione della scultura del toro androcefalo. Moltissimi dei quali presenti all

La grande opera collettiva, realizzata con il contributo di Comune di Ravenna, Orsoni VENEZIA, Siderurgica Ravennate, Amici di Chartres, CMC, DOLLIA Costruzioni e Ristrutturazioni, la Bottega del Fabbro, ARCADIA e AZIMUT, sarà presto parte integrante del restyling del Giardino del Labirinto in fase di progettazione con arredi per accogliere i parenti in visita ai detenuti e una teca espositiva per mostre temporanee che periodicamente ravviverà il luogo con esposizioni ed eventi. 

L’Associazione Dis-ORDINE e il comitato Tecnico-Scientifico del progetto composto da Giuliano Babini, Mariella Busi, Fulvio Fiorentini, Paolo Gueltrini, Marcello Landi, Edoardo Missiroli, Elena Pagani ringraziano: Elsa Signorino, Valentina Morigi, Gianandrea Baroncini, Carmela De Lorenzo, Daniela Bevilacqua, Giampiero Corelli, Giovanni Gardini, Luciana Notturni, Paolo Racagni, Valeria Ercolani, Giuseppe Rossi, Luca Chiesura, Mirca Antoniacci, Padre Claudio Ciccillo, Andrea Caccìa, Paolo Bezzi, Maurizio Piancastelli, Giovanni Fanti, Carlo Galassi, Monica e Paola Turchetti, Ugo Baldrati, Roberto Macrì, Gojart Dollia, Raffaele Ossani.

Leggi su Ravennanotizie …

Guarda il video di RAVENNAWEBTV…

Un Carro di Maddalena Venturi per Fetonte

Carro Agricolo dipinto da Maddalena Venturi

Anteprima de La caduta di Fetonte nelle terre alfonsine.

L’Associazione Dis-ORDINE DEI CAVALIERI DELLA MALTA E DI TUTTI I COLORI ex-allievi e insegnanti delle Scuole d’Arte di Ravenna e Provincia assieme a LABIRINTO EFFIMERO di Carlo Galassi di Alfonsine presentano alla Manifestazione Giardini&Terrazzi 2019 di Ravenna una installazione in collaborazione con l’apicultore Fausto Ridolfi. 

Il carro in mostra dal 27 al 29 settembre 2019 in Piazza del Popolo a Ravenna, è un plaustro romagnolo decorato a tempera da Maddalena Venturi 1860 – 1935, dipintrice di carri in Granarolo Faentino, un piccolo borgo di campagna particolarmente noto all’epoca in tutta la Romagna per la tradizionale produzione dei carri agricoli.

“L’ho veduta dipingere, Maddalena. Maddalena sta dritta accosto al carro così che sembra in soggezione, col viso basso. Guida il pennello sottile, e par che lo soffi, tanto è lieve il suo tocco . Ti ricorda il ramo, se appena muove l’ ombra del suolo, nel gioco del vento. I buoni occhi neri carezzano della lor luce i fiori e i volti che nascon via via dal miracolo del colore e del cuore: ed in quella luce ritrovi il sole di Dio, che feconda la terra, e d’una zolla scabra fa un bel giardino. L’arte di Maddalena è quella dei primitivi, ancora di quanto la tecnica celebrata altro non era che la semplice pura emozione dell’ anima. Non si guarda alla prospettiva, alla linea, ai piani, ai toni della sue pitture: un’anima sola ci vedi, che per passione è cantato, ecco una gioia calda di colori. da L.De Nardis, in “La Piè”, 1925

Luce, calore e potenza le stesse virtù ad attirare nella sfida il giovane Fetonte figlio di Apollo che ottiene dal padre il permesso di guidare il Carro del Sole col quale precipiterà rovinosamente a terra, leggenda narra nella foce dell’Eridano e per alcuni nelle terre alfonsine, a nord di Ravenna.

«Maggior paura non credo che fosse
quando Fetonte abbandonò li freni,
per che ‘l ciel, come pare ancor, si cosse;…»

Dante Alighieri – Divina Commedia, Inferno, Canto XVII

Ultimo saluto a Carlo Signorini

In Lussemburgo è morto il mosaicista ravennate Carlo Signorini: il cordoglio dell’Associazione Dis-ORDINE. Aveva fondato lo studio ‘Il Mosaico’ ed esportato l’arte in Europa.

Domenica 15 settembre a Vianden in Lussemburgo è morto il mosaicista Carlo Signorini, socio onorario dell’Associazione Dis-ORDINE. Signorini era nato nel 1941 a Ravenna, destinato a dar seguito alla gloriosa tradizione famigliare del mosaico ravennate, iniziata col bisnonno Alessandro Azzaroni, il nonno Ulderico David, ed affermata soprattutto dal padre Renato Signorini.

Continua a leggere su RestodelCarlino …