Dis-ORDINE A PORT’AUREA – INAUGURAZIONE CANTIERE work in progress

Il 6 ottobre 2017 alle 17 è stato inaugurato IL FILO e LE ALI – Il Giardino del Labirinto: un percorso di consapevolezza sviluppato attraverso 169 moduli triangolari in mosaico, sia in richiamo alla tarsia presente nel labirinto di San Vitale, sia come traccia verso la direzione concettuale “E quindi uscimmo a riveder le stelle.”(Inferno XXXIV, 139). Il percorso sarà aperto dal 7 ottobre al 26 novembre presso il Giardino antistante la Casa Circondariale di Ravenna, via Port’Aurea, 57.

Continua a leggere su Ravennanotizie…

Guarda il video su RavennaWEBTV…

Tagli ai corsi musicali a Ravenna – La città che disdegna le eccellenze

L’Associazione culturale Dis-ORDINE: Ravenna, la città che disdegna le eccellenze

Disarmanti, ma non del tutto sorprendenti le scelte sui corsi musicali nelle scuole di Ravenna. L’Associazione culturale Dis-ORDINE DEI CAVALIERI DELLA MALTA E DI TUTTI I COLORI ex-allievi e insegnanti delle Scuole d’Arte di Ravenna ancora una volta rimarca le disattenzioni della città di Ravenna nei confronti delle sue eccellenze.

Continua a leggere su Ravennanotizie…

Insegnamento del mosaico a Ravenna, l’associazione Dis-Ordine consegna in Comune 1207 firme

Insegnamento del mosaico a Ravenna, l'associazione Dis-Ordine consegna in Comune 1207 firme

Obiettivi: l’istituzionalizzazione dell’insegnamento del mosaico al Liceo Artistico e la statalizzazione dell’Accademia di Belle Arti.

Sono state consegnate venerdì 21 luglio 2017, durante i lavori delle Commissioni consiliari Istruzione e Cultura del Comune di Ravenna riunite per discutere sullo stato dell’Accademia di Belle Arti e sulle prospettive di reinserimento della classe di insegnamento del mosaico, le 1207 firme raccoltedall’Associazione Dis-ORDINE per portare al centro dell’attenzione dei ravennati la situazione delle scuole di mosaico di Ravenna.

Continua a leggere su Ravennanotizie…

Gruppo Pri: “Ci auguriamo scelte più decise sull’Accademia e sul mosaico”

Matteo Ramon Arevalos socio del Dis-ORDINE

Un socio in più per il dis-Ordine: il suonatore di sitar Matteo Ramon ArevalosConsegna della tessera del Dis-ORDINE a Matteo Ramon Arevalos. Da sx: Michela Perla, Elena Pagani, Mariella Busi De Logu, Marcello Landi, Matteo Ramon Arevalos, Stefania Vecchi, Marco Bravura

Lunedì 3 luglio, alla Sala Corelli del Teatro Alighieri, al termine del concerto per suoni e visioni Metamorphosis in programma nell’ambito della Manifestazione Ravenna Festival 2017, l’Associazione Dis-ORDINE ha consegnato la tessera n°111 a Matteo Ramon Arevalos.

Continua a leggere su Ravenannotizie…

OLTRE 1000 FIRME CON EFFETTO E SIMPATIA

“Quousque tandem, De Pascale, abutere fide nostra?” Attilio Maltoni 1888

Le oltre 1000 firme raccolte dall’Associazione Dis-ORDINE per riportare l’Accademia       IN CENTRO hanno un valore enorme. La petizione, da febbraio a oggi, ha portato la storia delle scuole del mosaico, per certi versi sempre affascinante, AL CENTRO delle attenzioni dei ravennati, e, soprattutto, sensibilizzato l’amministrazione sull’importanza di presentarsi al traguardo della statalizzazione con un progetto vero. Non più tardi dello stesso giorno in cui la giunta, all’unanimità, rinnova il contratto di locazione per l’Accademia fuori dal centro per un periodo superiore al proprio mandato, il Sindaco di Ravenna Michele De Pascale, nel suo discorso di chiusura dei suoi primi 365 giorni, a Casa Melandri, alla presenza del Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, promette un incontro pubblico per discutere della linea di formazione artistica a Ravenna. In seguito all’appello lanciato al termine del dibattito dal prof. Landi, anche Bonaccini si mostra interessato a ricevere più informazioni sulle scuole del mosaico di Ravenna per poter allargare, speriamo, le misure di sostegno e salvaguardia già in atto da parte della Regione per molti altri ambiti. Particolarmente apprezzato lo slogan di Bonaccini sul fare quello che si promette in campagna elettorale e farlo presto. In entrambi i casi a Ravenna non sembriamo essere campioni e, si sa, ci vuole tempo e pazienza, così intanto rinnoviamo per altri sei anni il contratto di locazione in area industriale cimiteriale per l’Accademia di Belle Arti e ancora tergiversiamo sul riconoscimento ufficiale del mosaico al Liceo Artistico. Si apprezza l’entusiasmo del giovane Sindaco e la sua apertura nel voler dimostrare il cambio di passo promesso, ma i vecchi nodi sono difficili da sciogliere. Alcuni segnali di ripresa si avvertono. Le politiche culturali si stanno riprendendo, seppure con flussi controversi, ma il problema all’istruzione rimane. Chiedere è lecito e per un politico rispondere è dovere, non solo cortesia, possibilmente nei tempi giusti, perciò attendiamo con ansia l’incontro promesso dove speriamo di poter ancora una volta ribadire l’importanza di una formazione artistica specialistica come garanzia di qualità.

L’Associazione Dis-ORDINE ringrazia le Librerie Longo, Modernissima e Feltrinelli, Albergo Cappello, Ca De Vèn e Caffè Letterario per la disponibilità ad accogliere la raccolta oltre che i 1125 artisti, cittadini, intellettuali, insegnanti, professionisti e commercianti firmatari della petizione.

Ravenna, 23 giugno 2017

Un mosaico di Greta in memoria di Bruno Succi per il Villaggio Capannisti di Marina Romea

Inaugurato sabato 17 maggio al Villaggio Cooperativa Capannisti Tempo Libero di Marina Romea il mosaico realizzato da Greta Guberti – ex-allieva dell’Istituto d’Arte per il Mosaico di Ravenna, socia del Dis-ORDINE.

La Cooperativa Capannisti Tempo Libero di Casal Borsetti/Marina Romea ha coinvolto l’Associazione Dis-ORDINE ex allievi e insegnanti delle Scuole d’Arte di Ravenna e Provincia per la realizzazione di un mosaico dedicato alla memoria di Bruno Succi, fondatore del Villaggio e primo Presidente della Cooperativa Capannisti da inserire nella facciata della Casa Comune del Villaggio Residenziale Capannisti immerso nella pineta nei pressi della foce del Lamone.

Il Presidente della Cooperativa Capannisti, Giovanni Fucci, e il segretario Claudio Dassani, precisate le indicazioni di base, si sono completamente affidati ai suggerimenti della mosaicista del Dis-ORDINE Greta Guberti, certi di poter contare su un progetto di elevata qualità. In seguito ad alcuni rilievi e sopralluoghi si sono concordati soggetto e collocazione adeguata per poter dare la massima visibilità all’opera dallo spazio antistante la Casa, luogo di ritrovo degli ospiti in occasione delle svariate manifestazioni organizzate all’interno del Villaggio. Greta ha scelto di utilizzare materiali naturali come il marmo per il mosaico e una sovrapposizione di strati di compensato trattato appositamente per il supporto, il tutto in colore neutro che ben si integra con la natura circostante pur garantendo il necessario risalto. Alla consegna e installazione dell’opera, il Presidente della Cooperativa ha espresso grande soddisfazione per il risultato raggiunto e per la tempistica di realizzazione complimentandosi con la mosaicista e i suoi collaboratori.

Greta Guberti si è diplomata all’Istituto d’Arte per il Mosaico di Ravenna nel 1989. Nelle svariate collaborazioni con artisti e mosaicisti per la realizzazione di progetti in Italia e all’estero, Greta approfondisce conoscenze e competenze relative al linguaggio del mosaico e alla sua applicazione negli ambiti dell’arredo e dell’architettura, assieme ad altri ex-allievi coinvolti abitualmente a seconda del lavoro da svolgere, realizza mosaici su commissione, gioielli, oggettistica e complementi d’arredo oltre che opere di sua progettazione con le quali partecipa a mostre e concorsi. Ogni opera è unica e originale, completamente realizzata a mano, con la massima attenzione, cura e rispetto della qualità delle tecniche di esecuzione del mosaico e nella ricerca dei materiali utilizzati.

GRETA – PROFILO FACEBOOK

Per l’Associazione Dis-ORDINE è particolarmente significativo poter intervenire nell’area dello storico insediamento del Villaggio Capannisti con il quale condivide gli intenti di salvaguardia del luogo in sintonia con il sito naturale della foce del Lamone e ringrazia i soci della Cooperativa per la fiducia accordata.20

Ravenna, 17 giugno 2017

Un ritratto in mosaico per Marco Pannella

UN RITRATTO IN MOSAICO PER MARCO PANNELLA

L’Associazione Dis-ORDINE e lo Studio Officina del Mosaico di Ravenna donano al Partito Radicale un’opera in mosaico in occasione del primo anniversario dalla scomparsa – 19 maggio 2017

Ravenna contribuisce con un’opera in mosaico al ricordo di Marco Pannella, nel primo anniversario della sua scomparsa avvenuta lo scorso 19 maggio 2016, in segno di riconoscenza per il prezioso lavoro svolto negli oltre cinquant’anni di impegno politico profuso per il bene pubblico della nazione.

Le Scuole d’Arte ravennati hanno, nel tempo, partecipato con opere significative, ogni qualvolta se ne è presentata l’occasione, a segnalare avvenimenti di varia natura e, in svariate occasioni, intrapreso iniziative legate alla scomparsa di personaggi importanti.

L’Associazione DIs-ORDINE di Ravenna, fondata con l’obiettivo di tutelare e tramandare, attraverso il pensiero collettivo, i valori e i saperi di quanti hanno frequentato o prestato la propria attività presso le Scuole d’Arte della Provincia di Ravenna oltre che tutelare il patrimonio materiale e immateriale della vocazione artistica territoriale della città, dona al Partito Radicale un ritratto di Marco Pannella in mosaico, con la proposta di installarlo in uno dei luoghi dedicati all’Onorevole, affinché possa essere di perpetuo richiamo al rispetto per la persona politica, fortificarne e renderne inalterata nel tempo la memoria.

L’opera, che interpreta un ritratto fotografico gentilmente suggerito dal Maestro Oliviero Toscani, per intercessione della figlia Olivia, Nicolas Ballario e Matteo Angioli, è stata realizzata in una delle ormai rare botteghe storiche di Ravenna, Officina del Mosaico di Luciana Notturni, con la tecnica tramandata dai maestri mosaicisti ravennati.

Nell’impossibilità di accettare l’invito a Roma, l’Associazione Dis-ORDINE ha spedito l’opera alla Sede del Partito Radicale dove è stata presentata da Matteo Angioli al Convegno “Ricordo di Marco Pannella ad un anno dalla scomparsa alla presenza di Alfonso Pecoraro Scanio (presidente della Fondazione UniVerde), Fabrizio Cicchitto (deputato, presidente Commissione Affari Esteri e Comunitari), Roberto Giachetti (vicepresidente della Camera dei Deputati), Francesco Rutelli (presidente della Fondazione Centro per un Futuro Sostenibile).

In particolare Francesco Rutelli, in arrivo dalla Commissione sulla Campagna per la ricostruzione del Patrimonio dell’area del Mediterraneo, nel suo intervento ha accolto con piacere il dono e le idee del Dis-ORDINE oltre che posto riflessioni sull’utilità dell’azione delle minoranze per disordinare gli assetti che non funzionano e rovesciare in modo non violento gli assetti del potere non costituito.

Video della presentazione https://youtu.be/KFrMvNeYNzQ

Accademia di Belle Arti di Ravenna, il Dis-Ordine scrive al sindaco: “Più trasparenza”

“È inaccettabile che si decidano le sorti di un’istituzione nobile e importante a porte chiuse”. 1000 le firme raccolte dalla petizione per riportare l’Accademia in centro.
L’Associazione Associazione Dis-ORDINE torna a parlare delle sorti dell’Accademia di Belle Arti di Ravenna e lo fa in previsione della consegna al sindaco della città delle firme raccolte per riportare l’istituto in centro storico.

Continua a leggere su Ravennanotizie…

Giardini in Bicicletta – Meraviglie Segrete 2017

Giardini in Bicicletta a cura dell’Associazione Dis-ORDINE nell’ambito della manifestazione MERAVIGLIE SEGRETE

BICI FLOREALI IN VIA IV NOVEMBRE – RAVENNA

Inaugurato domenica 14 maggio 2017 in pieno centro storico a Ravenna, nell’ambito della manifestazione Meraviglie Segrete, il giardino in bicicletta a cura dell’Associazione Dis-ORDINE in collaborazione con l’’Azienda Galassi di Alfonsine e gli esercenti della via IV novembre FRESCO Cocktail Bar, Frutta e Verdura Caterina, Erboristeria Giorgioni e Albergo Cappello.

Giardini in Bicicletta è un allestimento temporaneo con il Patrocinio del Comune di Ravenna nell’ambito del progetto Street Art Video Bike realizzato lo scorso giugno dai giovani artisti dell’Associazione Dis-ORDINE per abbellire le pareti del cantiere del mercato coperto.

In corrispondenza dei cestini delle bici dipinte dei ventitrè personaggi legati alla storia di Ravenna diretti verso il centro cittadino sono stati installati contenitori con piante officinali fiorite in richiamo all’usanza diffusissima anche a Ravenna di decorare il cestino della bici con ornamenti floreali.

Moltissime le bici che ogni giorno stazionano a ridosso del pannello interagendo con il singolare trompe l’oeil e ora anche con le piante vere curate, per la durata dell’installazione, dagli esercenti frontisti. Tra quelle dei partecipanti alla manifestazione è stata premiata con una splendida ortensia color porpora la bici più fiorita, di Nicoletta Gobbi, anche per il suo valore etico, ornata con girasoli e azalee dell’iniziativa AIRC Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, in occasione della festa della mamma.

Leggi la preview su Ravennanotizie…