RAPSODIA IN BLUE DEL CAVOLO – MOSAICO DI LIBERTÀ L’Arte dei bambini. Corrado Ricci, 1887

“Un colore che nessuno guarda non esiste”

Johann Wolfgang Goethe

a cura dell’Associazione Culturale

Dis-ORDINE DEI CAVALIERI DELLA MALTA E DI TUTTI I COLORI

Mostra/Installazione di opere grafiche e pittoriche realizzate nei laboratori per le scuole nell’ambito del progetto Pazzi di Jazz 2018 – Jazz Network

IMPARARE A IMPROVVISARE AIUTA A VIVERE E A CONVIVERE MEGLIO

Alle suggestioni del progetto Pazzi di Jazz, dedicato quest’anno a George Gershwin, ideato con l’obiettivo di portare dentro le scuole la musica jazz, arte per antonomasia libera e creativa, metafora eccellente di ideale convivenza e di solidarietà, e sulla falsariga dello scorso Jazz&Cabaret, segue l’idea di realizzare una mostra/installazione con opere improvvisate sulla base delle sensazioni che si provano nell’ascoltarne schemi e note. Avvicinare i giovani oggi significa dover tener conto della loro appartenenza alla generazione di nativi digitali plasmata dalle nuove tecnologie attraverso una mutazione in corso ancora tutta da indagare. Le scienze cognitive attestano per le nuove generazioni da un lato abilità superiori nel gestire velocemente e contemporaneamente molte informazioni e, per contro, rispetto alle generazioni precedenti, minori capacità di sintesi e di integrazione dei dati.

RAPSODIA IN BLUE DEL CAVOLO – MOSAICO DI LIBERTÀ L’Arte dei bambini. Corrado Ricci, 1887, si pone come un esperimento per testare le reazioni di giovani e giovanissimi nell’accostare la più virtuale delle arti, in particolare l’affascinante mondo del jazz, alla loro propensione ad abitare il virtuale, l’uso della Rete, l’ascolto, la lettura o la scrittura con i pollici. Giovani e giovanissimi di oggi stanno sviluppando una nuova sensibilità al colore e una diversa manualità mai esercitata in passato che porterà inevitabilmente a nuove forme espressive ancora da scoprire. Quello che si propone può diventare un laboratorio per le nuove generazioni abituate alle percezioni visive digitali in cui si combinano esperimenti e ricerche reali e virtuali.

INFO TECNICHE

Sono stati distribuiti ad ogni insegnante un flacone contenente una soluzione di inchiostro naturale di colore blu e dei supporti in tela o carta (cm 21 x 15 – in numero sufficiente per ogni allievo della classe) sui quali far realizzare da ognuno dei propri allievi un disegno, un dipinto, un ricamo, un collage, etc. ispirato dalla performancein teatro degli artisti di Pazzi di Jazz 2018.

I ragazzi potranno esprimere liberamente le suggestioni trasmesse dall’ascolto delle parole del musicologo FRANCESCO MARTINELLI e delle note della tromba di PAOLO FRESU, vincolati unicamente alla gamma delle infinite sfumature del colore blu, dall’intensità del blu degli antichi egizi alla leggerezza del blu azulejos, dalla profondità del blu di Prussia alla luminosità del BLU KLEIN, del blu dei pixel digitali, del blu dei mosaici antichi di Ravenna.

Inoltre ogni allievo partecipante dovrà reperire nella propria casa un oggetto blu(a perdere) di piccole/medie dimensioni da consegnare agli artisti del Dis-ORDINE per la realizzazione di un opera street artin concomitanza alla mostra.

La Mostra/Installazione RAPSODIA IN BLUE – MOSAICO DI LIBERTÀ L’Arte dei bambini. Corrado Ricci, 1887, con il coinvolgimento di oltre 1500 studenti delle scuole di Ravenna e Provincia, sarà inaugurata LUNEDÌ 30 APRILE 2018 alle ore 11:00 nello spazio espositivo dei Chiostri di Casa Oriani, con la presentazione di tutte le scuole coinvolte,in occasione della Giornata mondiale UNESCO, con orari da definire per permettere alle famiglie di visitare la mostra durante il periodo del Festival Ravenna Jazz. Termine della mostra LUNEDÌ 7 maggio 2018. 

Gli elaborati e gli oggetti blu reperiti dovranno essere consegnati entro sabato 21 aprile 2018 alla Scuola Elementare Mordani via Filippo Mordani, 5 – Ravenna all’attenzione di Catia Gori docente referente del progetto Pazzi di Jazz (raccolti in una confezione con l’indicazione di Scuola – Classe – Nome e contatto mail o cell del docente referente).

Ravenna, 6 aprile 2018

Il Consiglio direttivo dell’Associazione Dis-ORDINE

www.dis-ordine.it– info@dis-ordine.it

Il Consiglio direttivo dell’Associazione Dis-ORDINE

Presidente Marcello Landi – Vice Presidente Giuliano Babini

Mariella Busi, Fulvio Fiorentini, Elena Pagani, Daniela Caravita,

Dusciana Bravura, Stefano Cangini, Federico Zanzi, Anna Togni, Agnese Navoni

Tesoriere Renzo Pasini

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi